Io ho due pregi: uno è la memoria , l’altro… non mi ricordo.

Sono analista e sviluppatore firmware e software e mi interesso di piattaforme web.

Dedico il mio tempo “libero” alla musica in un piccolo studio (WHYNOT Studio) e da tempo sono parte di una band : gli Olga & The Gangband . Abbiamo autoprodotto il nostro primo album. E’ possibile ascoltarlo su Spotify o acquistarlo su Amazon.

 

Il brano che ho più a cuore è “IN TV VERITAS“, perché tratta uno dei temi che ritengo di massima importanza: l’informazione. In sintonia con lo stile ironico che ci caratterizza,  abbiamo cercato
di far riflettere sui contenuti che vengono trasmessi attraverso il mezzo di comunicazione di massa per eccellenza (per ora): la TV.

Siamo sicuri che la scatola parlante dica la verità ? Direi proprio di no. L’informazione è distorta, a volte incidentalmente errata, ma molto spesso manipolata…

Puoi ascoltare qui il brano in versione uncensored:

 

IN TV VERITAS by Olga & The GangBand

Theca dicens nuntios dissimulat (la scatola parlante nasconde le notizie)
ea quae nobis referunt funditus vera non sunt (quello che ci dicono non è del tutto vero)
constitutioni non credimus (non crediamo al “sistema”)
noli credere “TV” veritatem esse (non credere che la TV è verità)
Sono come San Tommaso, se non vedo non credo,
nella vita ho imparato che non credo a tutto quello che vedo,
se sulla faccia indosso questo sguardo assente,
parte della colpa è di una scatola parlante.
La televisione, il peggiore dei mass media,
seduti ad una sedia, per 4 ore in media,
ma che scomode, le notizie sono frivole
senza particolari restano spettacolari.
Cosa cambia se certe cose ora le sai,
più che un telegiornale sembra una puntata di CSI,
quanti omicidi, nella edizione delle venti,
abituati ormai, non ci stiamo neanche attenti.
Ci istruisce, con pensieri a stelle e strisce
che lei stessa ci fornisce
si nasce, ci cresce, a lei si obbedisce,
le nostre coscienze rapisce.

CI SI CONFONDE TRA
DIRETTA E REALTA’
CI SI CONVINCE CHE
IN TV VERITAS

ETCI’, essì perché la TV ci influenza,
il suo potere forte l’autoreferenza,
qualche tema mette in evidenza,
di altri si può fare senza,
siamo tanti pesci, sulla stessa lenza.
Non c’è differenza tra notizia ed opinione,
tra un evento e la creazione,
si presta attenzione solo allo share,
a superare il milione.
La cellulite è una malattia,
lo dice uno spot, cosa credi che sia,
ecco come nasce una fobia,
non credere a chicchessia.
Vai su internet, prova a leggere,
ci sono altri mezzi oltre l’etere,
la carta stampata ci aiuta a riflettere
e comunque non credere perché.

CI SI CONFONDE TRA
DIRETTA E REALTA’
CI SI CONVINCE CHE
IN TV VERITAS

 

Codice di sicurezza:
security code
Inserire un codice di sicurezza.:

Submit

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Continuando ad usare questo sito, acconsenti all'utilizzo di tutti i tipi di cookie. maggiori infomazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close